1. Home
  2. /
  3. Gin Time
  4. /
  5. La ruota del gusto e i sei principali profili aromatici

La ruota del gusto e i sei principali profili aromatici del Gin

Onda Lunga
12 aprile 2021
Profilo aromatico Gin

Quanti di voi sanno come è fatto un gin?

Quanti di voi, nel chiedere al barman un gin floreale, hanno realmente coscienza del perché un gin dovrebbe considerarsi tale?

 

Ecco un piccolo accenno sintetico teso a liberarvi dai primi dubbi e non sentitevi in soggezione: il saggio dice “se non sai chiedi”, colui che è ancora più saggio dice “se non sai chiedi agli esperti de ilTuoGin.it”.

 

Il gin è una bevanda alcolica che si ottiene dalla distillazione di un alcol base normalmente ottenuto dalla fermentazione di cereali, patate o in alcuni casi di uve di particolari vigneti, unite all’uso previa macerazione delle botaniche; proprio queste concorreranno alla definizione finale del distillato e ne influenzeranno le caratteristiche olfattive e gustative.

 

Le botaniche altro non sono che tutte quelle erbe, spezie, piante officinali, fiori, agrumi, radici, tuberi o altre sostanze aromatizzanti utili a comporre il gusto finale del distillato. Sono moltissime quelle che vengono usate nei e ve ne illustreremo qualcuna delle più disparate, ma l’unica che deve necessariamente essere presente affinché l’alcolico possa definirsi un gin è il ginepro; proprio dalla macerazione delle bacche di questo particolare arbusto, molto diffuso sulle coste del mediterraneo, si ottiene il tipico e pungente profilo aromatico del gin come tutti lo conosciamo. NO GINEPRO NO GIN!!!

 

Mettiamo bene a fuoco la questione delle botaniche e i relativi profili aromatici che da esse scaturiscono. Come vi abbiamo anticipato in precedenza il portale ilTuoGin.it offre ai propri clienti uno straordinario strumento capace di semplificare la comprensione di quanto stiamo spiegando: la ruota del gusto.

 

In sostanza si tratta di un diagramma esagonale, ogni punta del quale rappresenta uno dei sei principali profili aromatici tipici del nostro distillato preferito, così da facilitare l’utente nella composizione della ricetta finale del proprio gin; più in generale la ruota del gusto risulta determinante per comprendere nello specifico le caratteristiche aromatiche di un determinato distillato.

 

Abbiamo detto che i principali profili aromatici di un gin sono sei: agrumato, balsamico, erbaceo, floreale, fruttato e speziato.

 

A seconda dell’intensità che vorrete assegnare alle botaniche da voi scelte vedrete contemporaneamente variare la forma della ruota del gusto, per cui le punte del diagramma si allungheranno o si ritireranno sulla base delle vostre scelte.

 

Sul compositore de ilTuoGin.it avrete a disposizione ben 39 botaniche e potrete selezionarne fino a 5 per la vostra ricetta; per ogni botanica una sintetica ma esaustiva spiegazione vi ragguaglierà sulle sfumature date dalla stessa.

 

Per cui, nel caso in cui si volesse insistere sul profilo agrumato. Potrete decidere di avere un’alta intensità di limone, piuttosto che di pompelmo o addirittura di bergamotto o mandarino.

 

NOTA BENE: tenete presente il fatto che alcune botaniche possono recare più di una sfumatura aromatica; il mandarino ad esempio regala sì una sensazione di agrumi, ma è altresì una botanica con punte floreali persistenti, il pompelmo dal canto suo è decisamente agrumato, ma rilascia nel distillato anche un finale amarognolo e nel contempo rinfrescante.

 

Se invece la vostra idea fosse di incidere sul profilo balsamico allora potrete giocare con l’intensità di botaniche come l’anice, il pino mugo, il basilico, la menta, il mirto.

 

Oppure buttatevi sull’erbaceo utilizzando la maggiorana, l’origano, il rosmarino, la salvia, etc.

 

Per ottenere note floreali prenderete di certo in considerazione botaniche come la lavanda, la rosa, la vaniglia o la camomilla.

 

La fragola, l’uva passa o il mango sono indicate per ottenere note fruttate.

 

Pepe nero, zenzero, cumino, noce moscata , coriandolo etc. recano ancestrali sensazioni speziate.

 

Con ben 39 botaniche tra cui scegliere e con la possibilità di deciderne l’intensità finale potrete scrivere la vostra storia personale; la ruota del gusto è il vademecum più appropriato per lanciarvi senza paure o incertezze in questa deliziosa avventura.

Se è vero che un libro e una finestra sul mondo allora un buon gin tonic è #senzadubbiamente una porta per le stelle!!!

 

Buon gin!!

 

Condividi Share

Vuoi Provare a creare il tuo gin?
Iscriviti alla newsletter e ricevi un buono di 5 euro!

Formato email non valido